domenica 6 marzo 2011

Eterosessualità démodé

La nonna di Mine Vaganti

Molte vecchine (compresa la mia ottuagenaria nonna), un tempo prigioniere di certi tabù, parlano dell'omosessualità liberamente e senza inibizioni.

Il problema, adesso, sembra paradossalmente essere il contrario: dichiararsi eterosessuali.

Non è raro che ciò si verifichi in ambienti avanguardisti in cui è alta la percentuale di omosessuali  ed è quasi necessario, per quelli come me, definirsi in negativo
No, non sono omosessuale.
La categoria degli aperti (cioè i bisessuali) sono quelli che imbarazzano maggiormente. Perché con quel loro modo di dichiararsi aperti sembrano sottintendere che tu sia chiuso. E ti vorrebbero fare sentire bigotto.

Per non parlare dei dopocena che sembrano essere diventati il momento ideale per questo genere di dichiarazioni. Niente barzellette. Niente scenette. Niente canti o balli.  È il momento di fare outing e di dire
Io sono aperto. E tu?
Io?  Sono retrò.

13 commenti:

  1. Ormai è una gara continua questa vita!
    Anche a chi fa più outing ed a chi lo fa meglio!
    Siamo in un mondo di replicanti, meri esecutori di concetti alla moda, di intelletualismi sessuali, circumvallazioni per esibirsi prima e meglio.
    Essere in mostra, in vista, al centro del mondo è l'unico obiettivo che vale.
    Autostima egocentrica o egocentrica autostima?
    Risposta: follia.
    Tra poco faranno a gara anche a chi ne fa di più.
    E' meglio stare da soli.
    Ciao cara. Bello quello che scrivi.

    RispondiElimina
  2. Hai proprio ragione!E grazie del tuo commento, la tua visita è sempre apprezzatissima!

    RispondiElimina
  3. Ho sempre declinato le mode e i movimenti che provocano il cosiddetto trend,normalmente grazie al personale spirito di contraddizione ho sempre remato contro,senza alcun stress,naturalmente.

    Provocatoriamente indosserei una maglietta con la scritta sono etero e mi trovi bene con chiunque,anche se non è bene allargarsi troppo.

    Ti consiglio di non buttarla via la Tv,ad esempio stasera con Saviano "a che tempo che fa",il canone Rai è in buona percentuale già pagato,ne convengo con te,perlomeno sul'uso moderato della scatola,purtroppo vuota diffusamente,in questo modo non si spreca energia,l'ambiente ringrazia.

    Buona settimana a te e non perdiamoci di vista,il tuo spazio è inversamente proporzionale alla scatola descritta prima!

    && S.I. &&

    RispondiElimina
  4. Sei hai quel sentimento di frustazione come quando perdi la panatura dei sofficini forzando la confezione, allora leggi:

    Atrimenti iscriviti al gruppo Nessuno tocchi Sandro Ruotolo.

    www.ferroviedellostatoreclami.blogspot.com/2011/03/il-mestruo-e-il-look-migliore_05.html

    RispondiElimina
  5. @Ivo: sì hai ragione, a piccole dosi magari ci si può ancora avvicinare (alla televisione dico). Tuttavia sono così disinvformata sui programmi televisivi che non saprei quando accenderla. Fortunatamente esiste you tube.
    @Satira Senza Raucedine, grazie della segnalazione!

    RispondiElimina
  6. bè, direi che il massimo sarebbe essere se stessi, ma mi rendo conto che in un mondo dominato dai reality si viva come se si avesse una telecamera puntata addosso anche nella vita comune e ci si senta in dovere di recitare una parte. Oggi fa moda fare outing. Io ricordo a tutti che Truman si mise sulla barchetta per sfuggire alla sua vita confezionata dal "grande fratello".

    RispondiElimina
  7. recitare una parte.. hai detto bene... Pirandello docet!

    RispondiElimina
  8. Sai che non mi sono mai posta il problema?
    I mie adorabili vicini di casa sono una famiglia gay, il mio (occasionale) colf pure…ma mai ho ricevuto segnali di discriminante curiosità nei miei confronti in quanto donna maritata, e nemmeno il mio bellissimo marito
    Siamo tutte persone.Oh cazzarola Elena,non so cosa dirti…Forse siete tutti molto giovani e un pochino smarriti,magari la prossima volta che ti senti chiedere quali siano i tuoi gusti (brutto termine) sessuali prova a dire che "potrebbe dipendere"Non so ,mi hai veramente scombussolata…
    Ti abbraccio, posso?

    RispondiElimina
  9. Stellarossa uahauhauhauhauha ma ovvio che puoi abbracciarmi! Ti abbraccio io! E ti dirò, ti mando anche un affettuoso bacio!

    RispondiElimina
  10. Gostei muito de seu blog, pois possui uma dimensão de informação e assuntos que nos acrescentam.
    www.vivendoteologia.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. Infatti oggi quando si dice virilità si pensa all'aspetto sessuale e non al pregio dell'uomo che sa amare esprimendo anche le sue debolezze o che sappia protegge in silenzio.

    Paolo

    RispondiElimina
  12. Ciao Elena, non scrivi più???
    Spero di rileggerti presto.
    Un abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  13. Ciao Lara, ho avuto qualche problema! Sono tornata! Un bacio! Sei sempre tanto cara!

    RispondiElimina