domenica 14 agosto 2011

Sunday Morning


Good Morning. Sì, ok. Lo so. Non scrivo da tanto tempo. Ma l’ho fatto solo per tutti Noi. Caspita è estate. Questo implica un imperativo categorico: dobbiamo essere in forma. Ergo niente fritture per un po’ (ma i risultati si vedono? Passaparola. ).
In queste weeks si sono accumulate a lot of things da raccontare. Per esempio la mia esperienza allo Iusy Festival ad Attersee e il mio ritorno in taxi all’aereoporto di Vienna con due esponenti del partito socialista rispettivamente paraguaiano e francese che per tre ore (7:30-10:30 a.m.) hanno conversato in francese di capitalismo, economia reale e finanziaria. Insomma: roba che non avrei capito neanche in italiano. Cercavo di rendermi partecipe della conversazione e ovviamente sono stata interpellata quando c’era da (s)parlare di Berlusconi. Sudore: parlare in francese (Help: ragazzi miei, ho un livello A2!)
Per non parlare del mio travagliato viaggio di ritorno in treno (da Roma) e della mia esperienza col controllore Trenitalia che voleva farmi scendere nel mezzo dell’Italia perché il mio pnr risultava errato.
Ma adesso sono a Londra tutto il mese, per frequentare un corso di inglese. No, tranquilli. I riots non mi hanno fatto niente. Non ho fomentato né preso parte alla guerra civile. Vivo in una stanza al piano di sotto (sottoscala di HarryPotter style) di una casa chiamata “Alpena Villa” che di villa, vi garantisco, non ha nulla. Ma su Alpena e le avventure con la Vispa Teresa vi dirò meglio. Ho appena fatto il mio breakfast usando come tovaglietta una copia free del Metro con ½ pinta di milk e digestivi. No, non ero sola. Con me c’era Elisabetta. Sì, lei: The Queen. Che in cartolina mi ha osservato tutto il tempo nel suo grazioso tailleur viola.  Concludo questo post con un annuncio: cercasi cittadino inglese. Alto basso, vecchio giovane, maschio o femmina che sia non importa. Ma inglese. Ok: Londra è una città cosmopolita, lo so.  Resta il fatto che avrei voluto incontrarlo qualche inglese doc. Girando per la città mi piacerebbe ascoltare una conversazione in inglese. E invece no: spagnolo, portoghese, cinese, giapponese, coreano, turco, italiano (con le sfumature di tutti i dialetti regionali). Ma ho trovato una soluzione temporanea: per ascoltare un po’ di British guardo su youtube video sui fantasmi dell’underground di Londra.
Dimenticavo: ovviamente nessuno mi ha mai attribuito la nazionalità italiana. Spagna, Portogallo, Libia, Medio Oriente, Colombia. Ma dell’Italia nessuna traccia.
Greetings from London. 

Her majesty Quen Elizabeth II al Royal Weeding


Sunday morning, praise the dawning
It's just a restless feeling by my side
Early dawning, Sunday morning
It's just the wasted years so close behind
Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call It's nothing at all
Sunday morning and I'm falling
I've got a feeling I don't want to know
Early dawning, Sunday morning
It's all the streets you crossed, not so long ago
Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call It's nothing at all
Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call It's nothing at all
Sunday morning
Sunday morning
Sunday morning